Aggregatore Risorse Aggregatore Risorse

Antropologia del mondo antico

Programma

12 novembre: Lezione introduttiva: Cos’è l’antropologia del mondo antico?

13 novembre: Identità: diversi modi di vedere e parlare della identità nel mondo antico, in particolare quello romano: identità individuale (notitia, cognitio), identità collettiva (mores, instituta maiorum, consuetudines); nascita del termine moderno “identità”. Una applicazione: Virgilio, Eneide, XII, 820 sgg.

19 novembre: Gli animali nel mondo antico: funzioni, simboli, credenze

20 novembre: Le “voci” degli animali nella cultura antica: per una antropologia sonora

3 dicembre: Per un’antropologia dell’immagine: aspetti generali

4 dicembre: Una statua che parla e si trasforma: Vertumnus

10 dicembre: Per un’antropologia della traduzione nel mondo antico: interpres, hermenéus, vertere e altri modi ‘diversi’ di intendere ciò che noi definiamo traduzione

11 dicembre: Il mito della traduzione perfetta: i Settanta
 

Svolgimento

Il corso si terrà, dal 12 novembre all'11 dicembre 2010, presso l'Aula "Sandra Bruni" del Collegio Ghislieri.

Bibliografia

Bibliografia: M. Bettini, Comparare i Romani. Un’antropologia del mondo antico, “Studi Italiani di filologia classica”, Supplemento al fasc. 1/2009, “La stella sta compiendo il suo giro”, Atti del Convegno Internazionale di Siracusa 21-23 maggio 2007, 1 – 47; M. Detienne, Comparer l’incomparabile, Paris Seuil 2000; idem, Comparative Anthropology of Ancient Greece, Washington, D.C : Center for Hellenic Studies, 2009; F. Remotti, Contro l’identità, Bari Laterza 2001; M. Bettini, Un’identità troppo compiuta. Troiani, Latini, Romani e Iulii nell’Eneide, in Affari di famiglia, Bologna Il Mulino 2009; Mos, mores e mos maiorum. L'invenzione dei 'buoni costumi' nella cultura romana, in Le Orecchie di Hermes, Torino Einaudi 2000.

Bibliografia: M. Bettini, Nascere. Storie di donne, donnole, madri ed eroi, Torino Einaudi 1998; Voci. Antropologia sonora della cultura antica, Torino Einaudi 2008; C. Franco, Senza ritegno. Il cane e la donna nell'immaginario della Grecia antica, Bologna, Il Mulino 2003.

Bibliografia: M. Bettini, Il ritratto dell’amante, Torino Einaudi 2008; D. Freedberg, Il potere delle immagini. Il mondo delle figure: reazioni e emozioni del pubblico, tr. it. Torino Einaudi 2009; C. Severi, « L'estasi immobile. Origine dell'arte e origine del disegno  », Quaderni della Società italiana di Antropologia del Mondo Antico, 5 : - 97-108; Il Percorso e la Voce . Un'antropologia della memoria, Torino, Einaudi, pp. I-XXII, 1-337; La parole prêtée. Comment parlent les images, Cahiers d’Anthropologie sociale, 5, 200911 sgg. H. Belting, Il culto delle immagini, trad. it. Roma Carocci 2001; J. Svenbro, Storia della lettura nella Grecia antica, tr. it. Bari Laterza 1991; J. Scheid – J. Svenbro, Le mythe de Vertumne, in Europe, n° 904-905, Août-septembre 2004 .

J. Pépin, L’herméneutique ancienne. Les mots et les idées, Poétique 23, 1975, 291 – 300 ; L. Canfora, Il viaggio di Aristea, Bari Laterza 1996; E. Prinzivalli, “Sicubi dubitas, Hebraeos interroga”. Girolamo tra difesa dell’Hebraica veritas e polemica antigiudaica, Annali di storia dell’esegesi, 14, 1997, 179-206; M. Menghi, L’utopia degli Iperborei, Milano Iperborea 1998. 

 

Ambito : Scienze Umane

Semestre: Semestre I

Anno accademico: 2010-2011