Aggregatore Risorse Aggregatore Risorse

L’indagine morfologica in biomedicina: aspetti storici (I) - L’indagine morfologica in biomedicina (II)

Programma

L’indagine morfologica in biomedicina: aspetti storici (I parte)

Il corso illustrerà l’importanza della morfologia macroscopica e microscopica nello sviluppo della medicina attraverso l’esposizione di alcuni casi storici esemplari nei quali l’applicazione di criteri morfologici ha permesso di realizzare grandi progressi conoscitivi e clinico-terapeutici. Particolare enfasi verrà posta su alcuni episodi storici che si verificarono a Pavia ma che ebbero risonanza internazionale e impatto nella Storia della Biomedicina.
Fra gli esempi che verranno analizzati sono da considerare: lo sviluppo della teoria cellulare e della patologia cellulare nella definizione dei processi morbosi, l’invenzione della reazione nera da parte di Camillo Golgi come base strutturale dello sviluppo delle moderne neuroscienze, lo studio della variabilità morfologica degli esseri viventi come elemento di elaborazione della teoria darwiniana dell’evoluzione, lo studio delle anomalie craniche e somatiche nella fondazione della antropologia criminale di Cesare Lombroso, lo studio delle anomalie del bacino come base degli sviluppi della chirurgia ostetrica da parte di Edoardo Porro.

L’indagine morfologica in biomedicina (II parte)

Il corso si propone di illustrare il ruolo delle indagini morfologiche nella evoluzione delle scienze biomediche nel tempo e nella realtà di oggi. Verranno ricordate le principali tappe del pensiero medico-scientifico attraverso i secoli, dalla teoria umorale, alla patologia d’organo, alla patologia cellulare, sottolineando la stretta dipendenza dell’arricchimento conoscitivo in parallelo con l’evoluzione tecnologica. Dalla ricerca medica condotta con mezzi macroscopici (es. l’autopsia) si è pervenuti, nella realtà odierna, alla visualizzazione di alterazioni bio-molecolari (ad es. con la dimostrazione di acidi nucleici mediante sonde marcate). L’indagine microscopica svolge, ancora oggi, un ruolo fondamentale nel riconoscimento dei processi patologici elementari (flogistici, degenerativi, neoplastici), nella classificazione degli stessi (la medicina è classificare!) e nel fornire indicazioni prognostico-terapeutiche. La finalità del corso è rendere consapevole lo studente che l’arricchimento delle conoscenze biomediche è frutto dell’aggiornamento continuo attraverso lo studio e attraverso l’interazione con operatori della stessa disciplina e, soprattutto, di discipline diverse, secondo i principi della “medicina basata sull’evidenza”.

Dettaglio programma II parte:

1. La medicina “basata sull’evidenza”. Il pensiero medico attraverso i secoli. Evoluzione e correlazioni con il pensiero filosofico, le acquisizioni delle scienze di base e la tecnologia.
2. L’indagine morfologica macro e microscopica. La citologia diagnostica.
3. La morfologia molecolare. L’istochimica; suo ruolo diagnostico. Esemplificazioni.
4. L’istochimica enzimatica. L’immunoistochimica; sue applicazioni.
5. Profili immunofenotipici; indici di proliferazione; identificazione di primitività delle metastasi.
6. Anomalie di espressione genica rilevabili con immunoistochimica; marcatori prognostici e di risposta alle terapie.
7. Dimostrazione istochimica di proteine virali. L’indagine ultrastrutturale, suo ruolo diagnostico. La “surgical pathology”.
8. Biologia molecolare e patologia molecolare; ibridazione “in situ”; FISH e sue applicazioni diagnostiche, profili genici.
9. Cardiopatia ischemica: basi morfofunzionali.
10. La diffusione metastatica: come ricercare la primitività.
 

Svolgimento

Corso annuale a carattere seminariale: 6 novembre - 4 dicembre 2013 e 11 gennaio-15 marzo 2014.

La prima parte del corso "L’indagine morfologica in biomedicina: aspetti storici" sarà tenuta dal Prof. Paolo Mazzarello nel I semestre dal 6 novembre al 4 dicembre 2013 presso le Aule di Palazzo Broletto, Sede IUSS (lezione del 4 dicembre nell'Aula Multimediale del Museo per la Storia dell'Università di Pavia in Corso Strada Nuova n° 65).

La seconda parte "L’indagine morfologica in biomedicina " sarà tenuta dal Prof. Umberto Magrini nel II semestre e si svolgerà da lunedì 13 gennaio a lunedì 24 febbraio 2014 presso l'Aula 1-17 di Palazzo Broletto, Sede IUSS; le lezioni di lunedì 3, 10 e 17 marzo si terranno nell’Aula 1-14.

Esame

1° APPELLO: 9 aprile p.v., ore 17, Aula 1-16 Sede IUSS;

2° APPELLO: 16 aprile p.v., ore 17, Aula 1-16 Sede IUSS.

Semestre: Semestre I

Anno accademico: 2013-2014