Aggregatore Risorse Aggregatore Risorse

Il personaggio della narrativa modernista è spesso letto nella chiave interpretativa dell’inettitudine, cioè dell’incapacità di agire, volere, adattarsi. Eppure, spesso lo insidia una malattia più sottile e perturbante: la noluntas sciendi, la volontà di non sapere e di fuggire di fronte alla verità. Per esaminare questo tema e questa figura, il corso traccia un percorso fra i maggiori modernisti italiani, da Pirandello, a Svevo, a Tozzi, a Palazzeschi, con una particolare attenzione alla narrativa breve.

Noluntas sciendi. Un percorso nella narrativa modernista

Svolgimento

Il corso si svolgerà dal 29 aprile al 18 giugno 2016 presso la Sala del Camino di Palazzo del Broletto (Piazza della Vittoria, 15).

Bibliografia

TESTI
I. Svevo, La coscienza di Zeno e continuazioni, a cura di M. Lavagetto, Torino, Einaudi 2005
Inoltre, verranno analizzati racconti tratti da:
I. Svevo, I racconti, a cura di G. Contini, Milano, Garzanti 2008
L. Pirandello, Tutte le novelle, a cura di L. Lugnani, Milano, Rizzoli 2007
A. Palazzeschi, Il palio dei buffi, Milano, Mondadori 2002
F. Tozzi, Giovani e altri racconti, a cura di R. Luperini, Milano, Rizzoli 1994
È obbligatorio lo studio delle introduzioni a ciascuno di questi volumi.

SAGGI
Sul modernismo italiano, a cura di R. Luperini e M. Tortora, Napoli, Liguori 2013
A. Gailus, La forma e il caso: la novella tedesca dell'Ottocento, in Il romanzo, vol. II. Le forme, a cura di F. Moretti, Einaudi, Torino Moretti 2002, pp. 505-36
R. Luperini, Il trauma e il caso: appunti sulla tipologia della novella moderna in Italia, «Moderna» 2003, 1, pp. 13-22 (anche in Id., L'autocoscienza del moderno, Napoli, Liguori 2006, pp. 163-176)

 

Esame

martedì 12 luglio dalle ore 15,30 e mercoledì 13 luglio dalle ore 9,30 - Aula 1-17
venerdì 9 settembre dalle ore 15,30 e sabato 10 settembre dalel ore 9,30 - Aula 1-17

 

Ambito : Scienze Umane

Semestre: Semestre II

Anno accademico: 2015-2016