Aggregatore Risorse Aggregatore Risorse

Il corso sarà tenuto in lingua inglese se richiesto.

Il Corso si terrà presso il Collegio Borromeo (Piazza Borromeo, 9 - Pavia)

Politiche internazionali per la sostenibilità, Agenda 2030 delle Nazioni Unite e ruolo delle imprese

Programma

Il corso si propone di analizzare la trasformazione dell’attuale modello di sviluppo in una prospettiva di maggiore sostenibilità, sulla base di quanto è stato proposto negli anni recenti da diverse istituzioni internazionali (UN, OCSE, UNEP, CE). La principale attenzione sarà poi dedicata all’Agenda 2030 e ai 17 SGSs, verificandone lo stato di attuazione a livello internazionale, le politiche messe in campo dai diversi Paesi e le connesse problematiche di misurazione degli obiettivi e dei correlati targets.

Nel corso verrà dedicata particolare attenzione al ruolo che le imprese possono svolgere in questo processo di trasformazione, valutandone le implicazioni dal punto di vista competitivo, innovativo, dei rapporti con il mercato e con i diversi stakeholder.

A tal fine verranno approfondite alcune esperienze di imprese che hanno modificato radicalmente i propri modelli di business alla luce della sfida della sostenibilità.

Lezione 1 - 23-10 ore 18.00

Presentazione del corso, dei suoi obiettivi e del Patto d’aula.

Introduzione alla sostenibilità. Le politiche internazionali fino alla fine del millennio.

Scopo della lezione è far capire quale come l’attenzione alla sostenibilità dello sviluppo avvenga gradualmente e abbia nella Conferenza di Rio del 1992 un suo punto di snodo. Verrà poi analizzata l’evoluzione delle politiche internazionali ed europee sino alla Conferenza mondiale di Johannesburg del 2002.

Lettura: Padovani, A.M., Carrabba P., Di Giovanni, B., “Da Rio a Johannesburg: verso lo sviluppo sostenibile”, Energia, ambiente e innovazione, 2/03, pp. 15-37.

http://old.enea.it/produzione_scientifica/pdf_EAI/2003/RioJohannesburg.pdf

Lezione 2 – 31-10 ore 17.30

Il Global Compact delle Nazioni Unite.

Scopo della lezione e far comprendere il ruolo e l’evoluzione del Global Compact delle Nazioni Unite nell’ambito delle politiche di engagement delle imprese e degli strumenti volontari di politica della sostenibilità.

Lettura: M.Frey, “Etica ed economia globale. Il Global Compact delle Nazioni Unite”, in Csr 2.0 Proattiva e Sostenibile, a cura di G. Fiorani e M. Meneguzzo, pp.161–183, Egea, Milano.

Lezione 3 – 4-11 ore 18.00

Il percorso verso Rio 2012 e la Green Economy.

Verrà analizzato il lavoro preparatorio svolto dai diversi organismi internazionali (in particolare UNEP ed OCSE) per la Conferenza di Rio de Janeiro e le dinamiche della Conferenza e degli eventi al contorno, compresi gli impegni assunti dalle imprese nel Corporate Sustainability Forum.

Letture: M. Frey, “La green economy come nuovo modello di sviluppo”, Impresa Progetto, n.3, 2013, pp. 1-18.

https://www.impresaprogetto.it/sites/impresaprogetto.it/files/articles/3-2013_wp_frey.pdf

Inoltre è opportuno almeno consultare:

I report UNEP, 2011 https://sustainabledevelopment.un.org/index.php?page=view&type=400&nr=126&menu=35

ed OCSE 2011

https://www.oecd.org/greengrowth/48012345.pdf

Lezione 4 - 14-11 ore 18.00

Il 2015 e i diversi eventi sulla sostenibilità che lo hanno caratterizzato.

Verranno trattati sinteticamente gli importanti momenti che hanno caratterizzato il 2015 a partire dall’Enciclica di Papa Francesco, per poi introdurre temi che saranno oggetto di specifiche lezioni di approfondimento, come l’Agenda 2030 e le sue novità rispetto all’Agenda del Millennio, per arrivare alla COP di Parigi e all’accordo sul Clima; mentre a livello europeo si presenterà il Pacchetto sull’economia circolare.

Lettura: M. Frey, “Una scossa molto profonda”, Nuovi Lavori, 2016.

http://www.nuovi-lavori.it/index.php/sezioni/652-una-scossa-molto-profonda

Lezione 5 - 20-11 ore 17.30

L’agenda 2030 e Il ruolo delle imprese.

Verrà analizzato il ruolo che le imprese stanno giocando nel perseguimento degli SDG e come l’Agenda 2030 stia progressivamente penetrando nelle loro scelte strategiche e di comunicazione agli stakeholder.

Lettura: M. Frey, Agenda 2030 e ruolo delle imprese, Impresa Progetto, n.2/2018, pp.1-7.

https://www.impresaprogetto.it/sites/impresaprogetto.it/files/articles/ipejm_-_editoriale_2-2018_0.pdf

Lezione 6 –29-11 ore 18.00

Dentro gli SDGs: 7- Energy for all: Come cambiano i modelli di business delle imprese

Nell’analizzare la transizione energetica richiesta dall’SDG 7 (“Energy for all”) si considererà sia il quadro dell’accesso all’energia a livello macro che la trasformazione dei modelli di business delle imprese: sempre più orientate alle fonti rinnovabili e all’efficienza energetica. Per cogliere appieno questa evoluzione è previsto l’approfondimento di un caso aziendale con, eventualmente, la testimonianza di un’azienda energetica

Lettura: Enel, Report di sostenibilità 2017.

https://www.enel.com/content/dam/enel-com/governance_pdf/reports/bilanci-annuali/2017/bilancio-sostenibilita-2017-enel.pdf

In confronto con altri report (A2A, Edison, Eni, Erg, Hera, Terna, altri operatori internazionali)

La tutela e valorizzazione del capitale naturale richiede un’attenzione specifica ai servizi ecosistemi e al loro valore. Il Millennium Ecosystem Assessment ha definito le tipologie di tali servizi (supporto, approvvigionamento, regolazione, valori culturali). Nella lezione verranno analizzati in relazione anche al loro rapporto con gli attori economici e saranno considerate le modalità di valorizzazione tramite PES (Payment for Ecosystem Services).

Lettura: Fondazione Global Compact Network Italia, “Making the case. Business, biodiversity and ecosystem services as tool for change”, 2015.

https://www.globalcompactnetwork.org/it/form/report-business-bes.html

Lezione 7 – 2-12 ore 18.00

Dentro gli SDGs: 13-Il cambiamento climatico, risk management e ruolo della Finanza

Il cambiamento climatico è sicuramente la sfida più urgente e impegnativa all’interno dell’Agenda 2030. La crescita della temperatura e le connesse conseguenze sono sempre più preoccupanti ed espongono il sistema e gli attori economici a rischi crescenti. In questa lezione si tratterà come si può agire in termini di mitigazione e di adattamento e quale è il ruolo della finanza.

Lettura: S. Rossi, “Finanza e cambiamento climatico”, Intervento del Direttore Generale della Banca d’Italia e Presidente dell’IVASS, Convegno Finanza e ambiente, aprile 2018. https://www.bancaditalia.it/pubblicazioni/interventi-direttorio/int-dir-2018/rossi-16.04.2018.pdf

Lezione 8 –5-12 ore 9.00 aggiunta

Dentro gli SDGs: 12-L’economia circolare e come cambiano le dinamiche nel ciclo di vita e nei processi di acquisto

La produzione e consumo responsabile è una politica che ha caratterizzato la Commissione Europea e molti altri Paesi da diversi anni (la Cina ha introdotto un Piano sull’economia circolare già nel 2006). Ultimamente però l’economia circolare è diventata una componente chiave della trasformazione del modello di sviluppo economico. Verranno analizzate le più significative tendenze in corso in tale processo di trasformazione su scala globale, europea e nazionale.

Lettura: M. Frey, S. Pogutz, “Politiche e strategie per un’economia circolare”, Economia e management, in corso di pubblicazione.

Lezione 9 - 9-12 ore 18.00

Azioni collettive: Il mondo cooperativo.

Testimonianza del Direttore di Confcooperative Pavia.

Per comprendere come l’Agenda 2030 si stia diffondendo all’interno di diverse tipologie di organizzazioni, verrà presentato l’impegno del mondo cooperativo e del non profit nei confronti dell’Agenda 2030, utilizzando i report di sostenibilità di Confcooperative e quello sugli SDGs del Forum del Terzo Settore. Vi sarà poi una discussione su questi temi con il Direttore di Confcooperative Pavia.

Letture: Confcooperative, Sul cammino della responsabilità, Bilancio di sostenibilità 2017.

http://www.confcooperative.it/LInformazione/Archivio/bilancio-di-sostenibilit224-43

e Forum del Terzo Settore, Il terzo settore e gli obiettivi di sviluppo sostenibile, Rapporto 2017.

http://www.forumterzosettore.it/files/2017/12/Forum3settore_iPad.pdf

Lezione 10 –18-12 ore 18.00

Come cambia il rapporto con il capitale naturale: i servizi ecosistemici

Lezione 11 –20-12 ore 18.00

Come cambia il rapporto con le persone: il lavoro dignitoso e il diversity management

L’SDG8 associa il lavoro dignitoso alla crescita economica sostenibile. L’attenzione al capitale umano è un elemento chiave per la realizzazione dell’Agenda 2030 e connette molti degli altri SDG. Le imprese si stanno impegnando in questa direzione, ma ancora molto rimane da fare.

Lettura:  ILO, Lavoro dignitoso e Agenda 2030, 2018.

https://www.ilo.org/wcmsp5/groups/public/---europe/---ro-geneva/---ilo-rome/documents/publication/wcms_615731.pdf

Lezione 12 –9-1 ore 18.00

Conclusioni e discussione degli approfondimenti

 

 

 

 

 

Svolgimento

Il corso si svolgerà dal 23 ottobre 2019 al 9 gennaio 2020

23-10 ore 18.00 - 20.00

31-10 ore 17.30 - 20.00

4-11 ore 18.00 - 20.00

14-11 ore 18.00 - 20.00

20-11 ore 17.30 - 20.00

29-11 ore 18.00 - 20.00

2-12 ore 18.00 - 20.00

5-12 ore 18.00 - 20.00

9-12 ore 18.00 -20.00 Annullata

18-12 ore 18.00 - 20.00

20-12 ore 18.00 - 20.00 Annullata

9-1   ore 18.00 - 20.00

13-1 ore 18-20 Lezione di recupero

20-1 ore 18-20 Lezione di recupero

 

Marco Frey

Professore Ordinario di Economia e gestione delle imprese (art. 6, comma 11 L. 240/2010)

Classe : Scienze Tecnologie e Società

Ambito : Scienze Sociali

Periodo: Semestre I

Anno accademico: 2019-2020

Luogo : Pavia - Collegio Borromeo - Piazza Borromeo, 9 - Pavia

Durata : 25 ore