Aggregatore Risorse Aggregatore Risorse

Sviluppo della ricerca IUSS nelle Neuroscienze Cognitive e Cliniche

Data inizio : 2018

Data fine : 2021

Breve descrizione

Il progressivo superamento della tradizionale distinzione tra neuroscienze cognitive e cliniche è testimoniato, negli ultimi anni, dall’inarrestabile crescita delle potenziali applicazioni translazionali dei dati disponibili sui correlati neurali dei processi cognitivi (es. linguaggio, memoria, ragionamento, decision-making)...

 

Descrizione

Il progressivo superamento della tradizionale distinzione tra neuroscienze cognitive e cliniche è testimoniato, negli ultimi anni, dall’inarrestabile crescita delle potenziali applicazioni translazionali dei dati disponibili sui correlati neurali dei processi cognitivi (es. linguaggio, memoria, ragionamento, decision-making).

Il progressivo superamento della tradizionale distinzione tra neuroscienze cognitive e cliniche è testimoniato, negli ultimi anni, dall’inarrestabile crescita delle potenziali applicazioni translazionali dei dati disponibili sui correlati neurali dei processi cognitivi (es. linguaggio, memoria, ragionamento, decision-making). Questi dati, ottenuti in individui sani, si rivelano infatti un essenziale riferimento “normativo” per la valutazione di alterazioni neuro-funzionali e neuro-strutturali in pazienti colpiti dalle più svariate patologiche neurologiche e psichiatriche, a fini sia diagnostici (es. diagnosi precoce di patologie neurodegenerative; Cerami et al. 2014; Crespi et al. 2014) che riabilitativi (es. riabilitazione motoria (Dimyan and Cohen 2011); riabilitazione del linguaggio (Vitali, Tettamanti et al. 2010); emi-inattenzione (Pizzamiglio, Perani et al. 1998)).

La Risonanza magnetica nucleare a 3 Tesla, resa disponibile dalla convenzione stipulata con l’IRCCS Maugeri, costituisce in questo senso uno strumento d’elezione per l’indagine sulle basi neurali dei processi cognitivi. I dati più informativi riguardano a) attività cerebrale a riposo o evocata da compiti cognitivi, b) volume, densità o spessore della materia grigia; c) quantità e qualità delle connessioni assonali. Dati complementari a questi sono offerti da altre tecniche di indagine già disponibili presso il Laboratorio di Neuroscienze Cognitive (Elettroncefalogramma ad alta densità (High-Density EEG) e Stimolazione elettrica a correnti dirette (tDCS)), o previste in questo Piano di sviluppo (stimolazione magnetica transcranica.

D’altro canto, la disponibilità di tecniche di indagine avanzata costituisce solo una pre-condizione necessaria ma non sufficiente per la qualità della ricerca nelle neuroscienze cognitive e cliniche. Altrettanto essenziale è, infatti, l’appropriata progettazione e realizzazione di esperimenti che consentano di portare alla luce il ruolo funzionale di specifiche strutture cerebrali, e come la loro compromissione possa determinare uno specifico deficit cognitivo. Alcune aree di ricerca di grande impatto translazionale in questo senso sono quelle che indagano i correlati neurali di:

 

- processi decisionali (neuroeconomia, o neuroscienze delle decisioni)

- conoscenza enciclopedica e dei concetti (neuroscienze della memoria semantica)

- processi di “cognizione sociale” quali empatia e mentalizzazione (neuroscienze sociali)

- produzione e comprensione del linguaggio (neuro-linguistica)

In questo quadro, il NEtS ha attivato numerosi progetti di ricerca, attivati da PIs interni al centro anche con la collaborazione di ricercatori in altre sedi partner, in ciascuna di queste 4 aree. I risultati già ottenuti, in termini di pubblicazioni scientifiche e presentazioni a convegni, conferma le grandi potenzialità di questo settore dell’area SCSC. Inoltre, la programmazione di questi progetti è già strettamente connessa all’attività didattica e di ricerca svolta presso lo IUSS nel contesto del Dottorato di Ricerca in Neuroscienze Cognitive e Filosofia della Mente, e lo sarà in egual misura nell’ambito del futuro Corso di Laurea in Psicologia, Neuroscienze e Scienze umane in convenzione con UniPV.

 

Persone coinvolte

Referenti: Stefano Cappa (Prof. Ordinario MED/26), Nicola Canessa (Prof. Associato M-PSI/02), Eleonora Catricalà (Ricercato TD-B M-PSI/02)