Immagine
Tenepsia
Avanzamento nella Diagnosi del Declino Cognitivo con gruppo di ricerca IUSS
Data
Mar, 26/03/2024
Paragrafo
Testo

Un passo in avanti per la diagnosi del declino cognitivo in Italia grazie a Tenèpsia®, una nuova piattaforma digitale sviluppata con il contributo dei ricercatori dello IUSS.
La Scuola Universitaria Superiore IUSS di Pavia ha partecipato alla creazione di Tenèpsia®, una nuova piattaforma digitale dedicata alla diagnosi neuropsicologica del declino cognitivo. Il recente studio pubblicato sulla rivista ufficiale della Società Italiana di Neurologia illustra il processo dall’ideazione alla certificazione della soluzione digitale.
La prevenzione e la gestione del declino cognitivo e della demenza sono una delle maggiori sfide sanitarie e sociali del nostro tempo e rappresentano una priorità urgente. L’utilizzo di strumenti di neuropsicologia standardizzati e accurati consente di effettuare una diagnosi tempestiva ed efficace del declino cognitivo.
Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la demenza rappresenta una delle principali sfide sanitarie del nostro tempo, con circa 50 milioni di individui affetti a livello globale. Questo numero impressionante evidenzia la portata del problema e la necessità
urgente di affrontarlo in modo efficace. Ciò che rende ancora più allarmante la situazione è il tasso di crescita: ogni anno si registrano circa 10 milioni di nuovi casi di demenza. In questo contesto critico, la diagnosi precoce e accurata del declino cognitivo diventa essenziale per garantire una migliore gestione della malattia e per migliorare la qualità della vita dei pazienti e dei loro caregiver.
Strumenti digitali innovativi stanno dando forma a un nuovo concetto di diagnosi e assistenza della demenza, aprendo ulteriori spazi per la prevenzione, il monitoraggio e il trattamento. La teleneuropsicologia rappresenta un’area della telemedicina particolarmente promettente e di forte innovazione, in grado di far fronte alle nuove sfide sanitarie, quali le difficoltà di accesso ai servizi e la gestione del crescente numero di soggetti fragili.
Nel lavoro scientifico “A digital teleneuropsychology platform for the diagnosis of mild cognitive impairment: from concept to certification as a medical device”, recentemente pubblicato sulla rivista ufficiale della Società Italiana di Neurologia (DOI: 10.1007/s10072- 024-07403-0), Andrea Panzavolta, Chiara Cerami e Stefano F. Cappa della Scuola Universitaria Superiore IUSS di Pavia hanno documentato la creazione di una nuova piattaforma di teleneuropsicologia - Tenèpsia® per la valutazione cognitiva a distanza del
paziente con declino cognitivo, procedendo dall’ideazione fino alla certificazione come dispositivo medico, valida in tutta Europa.
Il lavoro è frutto di una collaborazione tra ricercatori clinici di tre società scientifiche attive nel settore delle demenze (Società Italiana di Neurologia—SIN, Associazione autonoma aderente alla SIN per le demenze - SINdem, Società Italiana di NeuroPsicologia - SINP) e
sviluppatori appartenenti ad aziende leader nei settori della telemedicina e intelligenza artificiale (Biogen Italia, Xenia Reply e Inside AI). Tenèpsia® è uno strumento digitale promettente, in grado di affermarsi come la futura soluzione abbracciata dalla maggior parte dei centri clinici per le demenze in Italia. Il suo utilizzo è in grado di ottimizzare le risorse cliniche e l’accesso dei pazienti ai servizi,
migliorando l’esperienza per pazienti e professionisti sanitari, con impatto positivo su tempo e costi, e riducendo le disuguaglianze e i ritardi nella diagnosi e nella cura delle demenze.