Gli obiettivi formativi
Testo

Il nostro pianeta, l’ambiente, i fenomeni naturali sono sia indispensabili risorse che inevitabili fonti di pericoli per le attività umane. Il progresso e lo sviluppo di tali attività hanno da sempre comportato e continuano oggi a comportare una modifica dell’ambiente. L’impatto di questa alterazione che forse più di ogni altro in questi decenni si manifesta in maniera evidente e a scala globale è quello sul clima.

Il clima sta cambiando come ha sempre fatto nel corso della vita del nostro pianeta, ma negli ultimi decenni il cambiamento è molto più rapido ed è osservabile con strumenti mai prima impiegati. Quanto di questo cambiamento è dovuto alle attività umane? Dove porterà questo cambiamento e come prevederlo? I temi del cambiamento climatico, della ricerca di modelli di sviluppo sostenibili e della valutazione dei rischi e degli impatti sulle attività umane sono fortemente intrecciati nell’unico obiettivo di trovare un nuovo equilibrio dinamico tra ambiente e uomo. Gli aspetti della vita e delle attività sociali che sono interessati da questi temi sono tanti e diversi: l’economia, la salute, la tecnologia. La ricerca ed il metodo scientifico sono chiamati ad un approccio che coinvolga discipline diverse e, almeno nel mondo accademico, distanti.

Il tema 2 rappresenterà una sfida ed una occasione per la nostra Scuola a contribuire non solo nel contesto accademico e non solo nel panorama italiano, alla formulazione di proposte operative, concrete ed urgenti, alla costruzione di metodi e strumenti di indagine e valutazione, alla collaborazione fra istituzioni con competenze e doveri diversi, alla facilitazione ed ottimizzazione dei processi decisionali. 

Opportunità nella ricerca

Nell'ambito del tema identitario "Clima Sostenibilità e Rischio", la Scuola Universitaria Superiore IUSS promuove i seguenti programmi di Dottorato:

Tutti i programmi di Dottorato della Scuola Universitaria Superiore IUSS sono stati accreditati come innovativi (internazionali, interdisciplinari o intersettoriali) dall’Agenzia ANVUR.